Bed and Breakfast zona San Pietro – Roma

Bed and Breakfast zona San Pietro - Roma

Fonte: Gabriella Clare Marino su Unsplash

Celebre per il suo colonnato e per la grande cupola che la sovrasta, piazza San Pietro è il simbolo della cristianità e attira ogni anno milioni di turisti e fedeli che giungono a Roma.

Tra le piazze più note al mondo, quella antistante la basilica di San Pietro è uno dei massimi esempi dell’ingegno architettonico dell’uomo: la facciata seicentesca della struttura, progettata da Carlo Maderno, caratterizza una delle chiese più grandi mai realizzate, e la celebre cupola di Michelangelo continua a sbalordire per maestosità ed armonia, oltre a rappresentare uno dei simboli più noti di Roma e dell’Italia.

La piazza è il fulcro della Città del Vaticano, lo Stato più piccolo al mondo sia in termini di popolazione che di estensione, ma che nonostante ciò riveste un ruolo cruciale negli equilibri planetari, non solo dal punto di vista religioso.

Piazza San Pietro è ricchissima di attrattive di interesse artistico, a cominciare dal già citato colonnato: commissionato da Papa Alessandro VII a Bernini, questi realizzò 284 colonne doriche e 88 pilastri realizzati in travertino di Tivoli disposti radialmente su quattro file, ad abbracciare fisicamente ed idealmente la grande piazza.

L’enorme patrimonio artistico della Città del Vaticano in generale, e di San Pietro in particolare, meritano dunque una visita approfondita, magari cercando una struttura ricettiva nei paraggi: sono infatti numerosi i bed and breakfast nella zona di San Pietro a Roma, così come gli alberghi.

Non sarà difficile, dunque, trovare una proposta di soggiorno adatta a tutte le esigenze, considerando inoltre che una sistemazione di questo tipo sarà anche piuttosto vantaggiosa rispetto alle altre bellezze artistiche da visitare nella capitale.

Tornando alle attrattive della piazza, naturalmente la basilica merita un discorso a sé: i suoi interni sono imponenti e ricchissimi di opere d’arte e di materiali di pregio come i marmi che compongono il transetto progettato da Michelangelo o l’ambulacro, ovvero lo spazio che circonda i quattro pilastri che reggono la cupola.

La grandezza di quest’ultima, peraltro, si coglie appieno solo all’interno della struttura.

Alta 133 metri e con un diametro di 41 metri e mezzo, ha una decorazione interna a mosaico che rappresenta scene di Cristo e degli apostoli, oltre a busti di papi e santi.

Un’altra sosta obbligata per chi visita Città del Vaticano sono i suoi musei, al cui interno è custodita una delle collezioni d’arte più vaste al mondo.

Siti in viale del Vaticano, gli omonimi musei raccolgono l’enorme collezione che i papi hanno accumulato nei secoli e sono indicati al plurale per il semplice fatto che comprendono al loro interno un insieme di altri musei, come la Pinacoteca Vaticana, il Museo Chiaramonti, la Collezione d’arte religiosa moderna e molti altri ancora.

La sovrabbondanza di opere è tale che citare qualcosa risulta essere quasi impossibile, dato che si va da reperti dell’antico Egitto sino ad opere moderne di artisti come Marc Chagall, Salvador Dalì e Vincent Van Gogh.

Naturalmente, all’interno dei musei è possibile ammirare anche la celeberrima Cappella Sistina decorata dagli affreschi di Michelangelo Buonarroti, uno dei più famosi tesori artistici del pianeta.

Chi, dunque, deciderà di trascorrere del tempo nella Città del Vaticano, avrà la possibilità di visitare alcune delle bellezze più significative del nostro patrimonio.

È bene sapere, comunque, che il Vaticano è molto ben servito dai mezzi pubblici: qualora decidiate di alloggiare in un bed and breakfast in zona San Pietro a Roma, per spostarvi potrete affidarvi alla metro raggiungibile in piazza Ottaviano, o prendere il tram: la linea 19 infatti fa capolinea in Piazza Risorgimento, a duecento metri dalla basilica.

Numerosi, inoltre, sono i bus e i taxi che coprono l’area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *