Rovine di Ostia Antica

Rovine di Ostia Antica

Fonte: Mary Harrsch su Flickr

Camminare fra le rovine di Ostia Antica, è sicuramente un’esperienza da consigliare e da fare assolutamente.

Significa percorrere un sentiero che va a ritroso nel tempo, dagli albori della stessa Roma, in un arco temporale di ben otto secoli.

Ostia è stata fondata dal quarto re di Roma, il latino Anco Marzio. Sua, secondo le fonti, la posa della prima pietra.

Ostia deve il suo nome alla foce del fiume Tevere, che non dista molto dagli scavi, ma che prima si trovava proprio nei suoi pressi.

Ostium, l’antico appellativo latino, indicava proprio il punto esatto della foce del grande fiume.

Oggi il parco archeologico di Ostia Antica si dirama su una superficie pari a quasi cinquanta ettari, costituiti da abitazioni di un’epoca passata, resti di archi, mura, strade ed edifici il cui stato di conservazione risulta essere uno dei migliori in assoluto nel campo nazionale, pari solo ai resti di Pompei ed Ercolano.

Percorrere in una sola giornata l’intera superficie del parco è cosa del tutto impossibile.

La strada da seguire porta a intraprendere il decumano che collega le due porte principali dell’antico abitato, Porta Marina e Porta Romana.

Il ciottolato che lo contraddistingue rende merito ed onore all’incredibile perizia che caratterizzava i costruttori romani.

Proseguendo, si ha la possibilità di ammirare una serie quasi infinita di domus e appartamenti di vario genere, di resti di acquedotti, insule e taverne, terme, templi, edifici di utilità pubblica, anfiteatri, porte e preziosi colonnati, edifici di culto di varie epoche.

Le ville romane rappresentano uno dei punti più preziosi dell’intero parco. Le domus di Giove Fulminatore, quella del Ninfeo degli Eroti, la domus dedicata ad Amore e Psiche, alcune delle più caratteristiche.

Degli ampi saloni, spesso dipinti con scene di caccia o di natura silvestre, si possono percorrere i vestiboli e i vani per le servitù.

Tra le tante, la domus Fulminata, chiamata così a causa di un tumulo ritrovato ove si raccontava l’evento che la segnò per l’eternità.

Le domus si aprono sulla strada centrale e ospitavano molte botteghe, ritrovate in perfetto stato.

Bed and Breakfast zona San Pietro – Roma

Bed and Breakfast zona San Pietro - Roma

Fonte: Gabriella Clare Marino su Unsplash

Celebre per il suo colonnato e per la grande cupola che la sovrasta, piazza San Pietro è il simbolo della cristianità e attira ogni anno milioni di turisti e fedeli che giungono a Roma.

Tra le piazze più note al mondo, quella antistante la basilica di San Pietro è uno dei massimi esempi dell’ingegno architettonico dell’uomo: la facciata seicentesca della struttura, progettata da Carlo Maderno, caratterizza una delle chiese più grandi mai realizzate, e la celebre cupola di Michelangelo continua a sbalordire per maestosità ed armonia, oltre a rappresentare uno dei simboli più noti di Roma e dell’Italia.

La piazza è il fulcro della Città del Vaticano, lo Stato più piccolo al mondo sia in termini di popolazione che di estensione, ma che nonostante ciò riveste un ruolo cruciale negli equilibri planetari, non solo dal punto di vista religioso.

Piazza San Pietro è ricchissima di attrattive di interesse artistico, a cominciare dal già citato colonnato: commissionato da Papa Alessandro VII a Bernini, questi realizzò 284 colonne doriche e 88 pilastri realizzati in travertino di Tivoli disposti radialmente su quattro file, ad abbracciare fisicamente ed idealmente la grande piazza.

L’enorme patrimonio artistico della Città del Vaticano in generale, e di San Pietro in particolare, meritano dunque una visita approfondita, magari cercando una struttura ricettiva nei paraggi: sono infatti numerosi i bed and breakfast nella zona di San Pietro a Roma, così come gli alberghi.

Non sarà difficile, dunque, trovare una proposta di soggiorno adatta a tutte le esigenze, considerando inoltre che una sistemazione di questo tipo sarà anche piuttosto vantaggiosa rispetto alle altre bellezze artistiche da visitare nella capitale.

Tornando alle attrattive della piazza, naturalmente la basilica merita un discorso a sé: i suoi interni sono imponenti e ricchissimi di opere d’arte e di materiali di pregio come i marmi che compongono il transetto progettato da Michelangelo o l’ambulacro, ovvero lo spazio che circonda i quattro pilastri che reggono la cupola.

La grandezza di quest’ultima, peraltro, si coglie appieno solo all’interno della struttura.

Alta 133 metri e con un diametro di 41 metri e mezzo, ha una decorazione interna a mosaico che rappresenta scene di Cristo e degli apostoli, oltre a busti di papi e santi.

Un’altra sosta obbligata per chi visita Città del Vaticano sono i suoi musei, al cui interno è custodita una delle collezioni d’arte più vaste al mondo.

Siti in viale del Vaticano, gli omonimi musei raccolgono l’enorme collezione che i papi hanno accumulato nei secoli e sono indicati al plurale per il semplice fatto che comprendono al loro interno un insieme di altri musei, come la Pinacoteca Vaticana, il Museo Chiaramonti, la Collezione d’arte religiosa moderna e molti altri ancora.

La sovrabbondanza di opere è tale che citare qualcosa risulta essere quasi impossibile, dato che si va da reperti dell’antico Egitto sino ad opere moderne di artisti come Marc Chagall, Salvador Dalì e Vincent Van Gogh.

Naturalmente, all’interno dei musei è possibile ammirare anche la celeberrima Cappella Sistina decorata dagli affreschi di Michelangelo Buonarroti, uno dei più famosi tesori artistici del pianeta.

Chi, dunque, deciderà di trascorrere del tempo nella Città del Vaticano, avrà la possibilità di visitare alcune delle bellezze più significative del nostro patrimonio.

È bene sapere, comunque, che il Vaticano è molto ben servito dai mezzi pubblici: qualora decidiate di alloggiare in un bed and breakfast in zona San Pietro a Roma, per spostarvi potrete affidarvi alla metro raggiungibile in piazza Ottaviano, o prendere il tram: la linea 19 infatti fa capolinea in Piazza Risorgimento, a duecento metri dalla basilica.

Numerosi, inoltre, sono i bus e i taxi che coprono l’area.

Bed and Breakfast vicino San Pietro – Roma

Bed and Breakfast vicino San Pietro - Roma

Fonte: Dmitry Tomashek su Unsplash

La zona del Vaticano è una delle più visitate al mondo per via dei capolavori artistici ed architettonici che sono qui presenti e per la grande importanza spirituale che questo minuscolo stato ricopre ed ha ricoperto nel corso dei secoli.

Il luogo più famoso del Vaticano è senza dubbio la Basilica di San Pietro, punto di riferimento per la cristianità ed una delle chiese più grandi, belle e conosciute di tutto il mondo.

Percorrendo il lunghissimo corridoio centrale si possono ammirare alcune delle più grandi realizzazioni artistiche italiane, come la Pietà di Michelangelo, una scultura che sembra quasi avere vita e riesce a trasmettere come nessun’altra il senso di dolore della Vergine che tiene tra le braccia il Cristo morente, e il baldacchino del Bernini, forse il punto più alto mai raggiunto dallo stile barocco in Italia.

Il corridoio termina sotto l’immensa cupola, dall’alto della quale è possibile ammirare praticamente tutta Roma.

All’esterno della Basilica troviamo la grande piazza San Pietro, dove ogni anno milioni di fedeli si recano per assistere alle messe domenicali del Pontefice, racchiusa all’interno del magnifico colonnato realizzato dal Bernini e al cui interno si può ammirare l’antichissimo obelisco egiziano.

A lato di San Pietro c’è l’ingresso per i Musei Vaticani, anch’essi tra i più famosi al mondo per la varietà e la bellezza delle opere in essi contenute.

Imperdibile, durante il percorso al loro interno, una visita alla celeberrima Cappella Sistina decorata da Michelangelo Buonarroti.

Sulla sua volta è possibile ammirare numerose scene bibliche, come la creazione di Adamo o la cacciata dal Paradiso, mentre dietro l’altare si trova il Giudizio Universale, che è probabilmente l’immagine più conosciuta della Cappella Sistina.

Nella Cappella Sistina si tiene il conclave per l’elezione del Pontefice.

All’esterno dei Musei ci sono gli splendidi Giardini Vaticani, rimasti pressoché immutati dal XIII secolo in poi e luogo di riposo e meditazione del Pontefice.

La zona del Vaticano è perfettamente collegata con il resto della città grazie a diversi bus navetta, autobus di linea e ad un fitto andirivieni di taxi che passano per la zona. La metropolitana invece transita piuttosto lontana.

Ma vediamo quali sono i migliori bed & breakfast nella zona di San Pietro a Roma.

Nelle vicinanze di Piazza San Pietro è possibile trovare numerosi Bed & Breakfast dove poter passare una o più notti per partire alla scoperta della città eterna.

Tra i bed & breakfast vicino San Pietro a Roma possiamo citare il Gregory B&B Vatican, a meno di 200 metri dalla piazza e con tariffe per una camera doppia che oscillano, a seconda del periodo dell’anno, tra le 60 e le 100 euro, risultando così uno dei più economici della zona.

Un altro bed & breakfast vicino San Pietro a Roma è il Domus San Pietro, che dista circa 250 metri dalla piazza e offre un arredamento molto classico che farà sentire i suoi ospiti molto a loro agio.

Se si vuole risparmiare qualcosa per un bed & breakfast in zona San Pietro a Roma, occorre spostarsi un po’ ed optare magari per il bellissimo quartiere di Trastevere, distante non più di un quarto d’ora di cammino, presso il quale è possibile trovare una doppia ad un prezzo inferiore ai 100 euro, oltre a numerosi bar, caffè, ristoranti e osterie tipiche dove trascorrere piacevolmente le serate.

La visita della Basilica di San Pietro e della zona del Vaticano è senza dubbio un’esperienza che rimane nel cuore e va fatta almeno una volta nella vita.